Blog: http://BlablablaaMentelibera.ilcannocchiale.it

Oriana quanto (ci) manchi!

Agli uomini non interessa né la verità, né la libertà, né la giustizia. Sono cose scomode e gli uomini* si trovano comodi nella bugia e nella schiavitù e nell'ingiustizia. Ci si rotolano come maiali.

*nota esplicativa per stupide femministe: in questo caso la grande Oriana per uomini intende sia uomini che donne, semplicemente in italiano si usa il genere maschile per esprimere il plurale. (Non sentitevi migliori degli uomini che tanto non lo siete.)


A me dà fastidio perfino parlare di due culture(Occidente e Islam): metterle sullo stesso piano come se fossero due realtà parallele, di uguale peso e di uguale misura. Perché dietro la nostra civiltà c'è Omero, c'è Socrate, c'è Platone, c'è Aristotele, c'è Fidia. C'è l'antica Grecia col suo Partenone e la sua scoperta della Democrazia. C'è l'antica Roma con la sua grandezza, le sue leggi, il suo concetto della legge. Le sue sculture, la sua letteratura, la sua architettura. I suoi palazzi e i suoi anfiteatri, i suoi acquedotti, i suoi ponti, le sue strade. C'è un rivoluzionario, quel Cristo morto in croce, che ci ha insegnato (e pazienza se non lo abbiamo imparato) il concetto dell'amore e della giustizia. C'è anche una Chiesa che mi ha dato l'Inquisizione, d'accordo. Che mi ha torturato e bruciato mille volte sul rogo, d' accordo. Che mi ha oppresso per secoli, che per secoli mi ha costretto a scolpire e dipingere solo Cristi e Madonne, che mi ha quasi ammazzato Galileo Galilei. Me lo ha umiliato, me lo ha zittito. Però ha dato anche un gran contributo alla Storia del Pensiero: sì o no? E poi dietro la nostra civiltà c'è il Rinascimento. C'è Leonardo da Vinci, c'è Michelangelo, c'è Raffaello, c'è la musica di Bach e di Mozart e di Beethoven. Su su fino a Rossini e Donizetti e Verdi and company. [...]. Ed ora ecco la fatale domanda: dietro all'altra cultura che c'è? Boh!
Cerca cerca, io non ci trovo che Maometto col suo Corano e Averroè coi suoi meriti di studioso.

Oriana Fallaci

Pubblicato il 23/6/2011 alle 21.50 nella rubrica Ex Libris.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web