Blog: http://BlablablaaMentelibera.ilcannocchiale.it

Crossing tv, la tv web cresce e trova una sede stabile

Questo lo pubblico perché così capite cosa faccio io. E' un articolo di un paio di giorni fa, leggermente modificato per non avere problemi con i diritti. (perché anche questo è stato pubblicato da un sito). Spero vi piaccia, come il precedente.

Crossing tv è la prima webtv italiana fatta da giovani per giovani, realizzata da una redazione interculturale, è visibile su internet all’indirizzo http://www.crossingtv.it/ e il prossimo 24 febbraio festeggerà il suo secondo compleanno.“Ora abbiamo un gruppo di sette ragazzi che fanno parte stabilmente del progetto e con loro abbiamo creato la nuova associazione culturale Crosslab perché l’associazione Crossing dalla quale nacque Crossing tv si esaurirà in alcuni mesi. Ci sono poi una decina di altri ragazzi che collaborano con noi” ci dice Silvia Storelli, direttrice artistica, nonché fondatrice di Crossing tv, e prosegue: “avevamo il pressante problema di trovare una nuova sede, problema che abbiamo risolto grazie all’imminente convenzione che stiamo firmando in questi giorni con la Cineteca di Bologna che ci fornirà degli spazi per la nostra attività in cambio della realizzazione di alcuni servizi di Crossing tv sulle attività da essa promosse.” Silvia Storelli prosegue mettendo in risalto il grande risultato della convenzione:“Questa convenzione è per noi un importantissimo riconoscimento del nostro lavoro da parte di una delle più importati istituzioni culturali cittadine e che ci smarca dall’essere solo legati all’ambito sociale e apre la possibilità di un riconoscimento culturale della nostra attività.”

Silvia Storelli mi parla di un altra importante novità: “Recentemente abbiamo inoltre deciso di rivolgerci a un target di pubblico più adulto, perché il rapporto dei giovanissimi con internet è ancora un rapporto troppo acerbo. Sul nostro sito curiamo un blog aggiornato quotidianamente dove ognuno dei ragazzi ha un proprio spazio personale e segue propri argomenti, anche io ho il mio”.

Nel recente passato si è parlato molto di Crossing tv su quotidiani locali e anche nazionali e la RAI ha dedicato loro numerosi servizi su RAINEWS e anche sulla rubrica settimanale del tg1 tv7. Due giorni fa Crossing tv è stata citata all’interno di un servizio del tg3 nazionale sulle web tv italiane. “A seguito del recente servizio tg3 l’utenza giornaliera che al sito è raddoppiata. Nel recente passato siamo arrivati a punte di diecimila contatti al mese. Un grande obbiettivo per una piccola realtà come la nostra in gran parte autofinanziata e che vive grazie alla vena volontaristica dei partecipanti al progetto.”

Nato come esperimento al Centro interculturale Zonarelli del Comune di Bologna, il progetto nel tempo ha avuto rilevante spazio su molti media locali ma anche nazionali.

Crossing tv è nata a Bologna il 24 Febbraio 2008 ed è una televisione on-line fatta da ragazzi italiani e stranieri tra i 16 e i 24 anni, nati in Italia da genitori italiani o stranieri o trasferitisi qui in età prescolare. L’obiettivo di Crossing tv è raccontare il mondo dei giovani e permettere loro di raccontarsi e così smontare i pregiudizi. Lasciando che siano proprio loro, i giovani, a parlare di loro stessi e del loro mondo, delle loro passioni, delle cose che gli piacciono. Ora è presente anche sui social network Facebook e Twitter.

I video dei giovani redattori/giornalisti sono divisi in quindici rubriche tematiche “alcune delle rubriche come Crosslife si stanno esaurendo ma in questi due anni di attività il progetto che ne è alla radice si è arricchito ed è cresciuto molto” ci dice Silvia Storelli. Tutte le rubriche trattano aspetti di particolare pertinenza al mondo giovanile, tematiche che sono interessanti per i ragazzi: “Generazioni in azione” è dedicata a inchieste sui iniziative rivolte ai giovani a Bologna, S.o. sex parla di contraccezione e prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili ed è realizzata insieme allo spazio giovani dell’Ausl di Bologna. La rubrica “Cartoline” raccoglie video in cui i ragazzi parlano dei luoghi più magici di Bologna, mentre “Mille mode” da spazio ai giovani stilisti stranieri attivi in città ed è realizzato con il contributo del comune di Bologna e del sito www.crossmode.it. La mission di Crossing tv, raccontare i molteplici e variegati universi giovanili che non vengono mai rappresentati dai mass media, cercando di scardinare i pregiudizi e contrastare gli stereotipi sui giovani attraverso la  creatività e la contaminazione artistica e culturale, è pienamente realizzata e il futuro di questa web tv è ricco di opportunità e di nuovi progetti editoriali.



Pubblicato il 17/2/2010 alle 20.39 nella rubrica Notizie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web