Blog: http://BlablablaaMentelibera.ilcannocchiale.it

Benvenuti! - Un nuovo inizio.

3/8/2009

Questo è l'inizio. E' l'inizio del mio blog o "diario virtuale", che poi vero diario non è. Un blog non può esssere un diario, perché è visibile a tutti, di conseguenza non si possono scrivere su di esso cose strettamente personali come si scrivono sul proprio diario. Questo è il motivo principale che fino ad oggi, fino a 25 anni e mezzo suonati, mi ha tenuto alla larga dall'universo blog. Ho sempre pensato: cosa ci scriverò? - se non posso scrivere cose personali finisce che il mio blog diventa una sorta di raccoglitore di notizie.. e il web pullula di questi raccoglitori o simil-giornali elettronici.

Recentemente tuttavia ho capito un paio di cose:
- In questo mondo chi non fa partecipe gli altri delle proprie idee è spesso perché non ne ha affatto (e questo non è il mio caso) o perché non riesce a esprimerle ed è quindi limitato; AH! Quanto ho combattuto contro questa mentalità imperante! Se uno non se la sente di pubblicare come la pensa non significa che non pensi affatto... ma tant'è....
- Il blog può essere visto anche sotto una luce diversa: non solo espressione quasi egoistica del proprio Io: Io scrivo , Io dico, Io faccio, Io penso ecc.. ma anche come strumento per far conoscere le proprie idee alle persone più care. Mi sono accorto che in molti casi anche le persone che mi stanno più vicine non conoscono le mie posizioni su taluni argomenti... e che dire.. questo mi ha un po sconfortato, ed ho capito che è colpa mia e del mio carattere chiuso.

Critiche anche acute a questo nuovo mezzo , il blog, ne sono arrivate un po da tutte le parti, quella che mi ha colpito di più è però quella di Daniele Luttazzi, il quale l'anno scorso parlando del successo del blog di Beppe Grillo diceva una cosa che condivido sui blog: il blog esclude il dialogo, ed è perciò per propria natura un mezzo di esressione piuttosto reazionario. Vero. Alla fine un blog non è altro che una pagina in cui si scrive ciò che si pensa ma in maniera individualistica. Non presuppone un confronto sennon nei commenti ai post, ma i post altro non sono che delle affrmazioni dell'autore. Non presuppongono dialogo costruttivo, non costruiscono un Noi, ma sono una rappresentazione di un IO.
Questo, in fin dei conti era l'altra cosa che mi aveva finora fermato dal costruire un blog tutto mio. Come l'ho superata? Semplice! Anche Luttazzi ha aperto il proprio blog, e con questa sua azione ha mandato a carta quarantotto la sua critica al mondo dei blogger e dei blog. E' mancato cioè di coerenza, proprio lui che è una delle persone più coerenti d'Italia (ed è x questo che lo stimo). 
Se l'opportunità di parlare con Voi frequentatori dovesse diventare una piacievole abitudine, il successo di questo spazio-blog sarebbe assicurato. Altrimenti le mie resterebbero delle parole al vento.. prive di importanza e futuro!

Quindi leggetelo spesso! ;) Ma sopratutto: Lasciate dei commenti!
Qualunque tipo di commenti, positivi, negativi, polemici.. non importa (purché non offensivi ovvio) perché l'importante non è essere d'accordo con quello che scrivo, ma è creare un piccolo dibattito che possa arricchirci tutti!
Ciao a tutti e buona lettura! 

Pubblicato il 3/8/2009 alle 10.30 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web