.
Annunci online

BlablablaaMentelibera il blog di Paolo P.
No alla Memoria selettiva
post pubblicato in diario, il 26 gennaio 2018
Domani è la #giornatadellamemoria, ma conto di non passarla qui, quindi lascio qui il mio pensiero: non scordiamoci la persecuzione degli "altri", comunisti, omosessuali, zingari, anche loro sterminati nella soluzione finale.
Nazismo e Fascismo non hanno colpito solo ebrei. Rifiutiamo questa mistificazione semplificatoria. Dal 22 al 38 il Fascismo aveva tolto la libertà a tutti e nelle sue fila c'erano anche ebrei, c'erano italiani di tutte le origini e provenienze, non dimentichiamolo.


Il Fascismo, col suo imperialismo d'accatto, ha ucciso anche abissini, somali, eritei, etiopi, con le armi, con le bombe e con il gas, ma di loro non sappiamo nemmeno il numero perché evidentemente nella percezione collettiva valgono meno di altri.
La memoria o vale per tutti o non è.
Evitiamo la memoria selettiva.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. memoria italia fascismo nazismo shoa conformismo

permalink | inviato da Pa.P il 26/1/2018 alle 14:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La morte del gerarca
post pubblicato in Notizie, il 12 ottobre 2013
Sulla morte del gerarca Pribke ho già scritto, per chi è interesato, qui: http://www.ilbolognino.info/item/243-priebke-non-mi-pento-di-nulla


A lui e a tutti i mostri del Novecento, che hanno avuto pure la sfacciataggine di vivere 70 anni in più delle loro vittime, dedico la poesia di Calamandrei:

"Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio del torturati
più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA"

Giorno della memoria
post pubblicato in diario, il 27 gennaio 2012
Oggi, 27 gennaio, ma nel 1945, l'Armata Rossa scopre il campo di sterminio nazista di Auschwitz in Polonia e ne libera gli scheletri umani detenuti, portando alla coscienza del mondo l'orrore della soluzione finale dei campi di concentramento. 
L'Armata Rossa però partiva da lontano e aveva già respinto il nazismo fino alla Polonia. I russi avanzeranno fino a liberare dal nazismo e dal fascismo tutta l'Europa centrale e orientale. 

Per precisa scelta politica occidentale pochi di noi sanno che l'Urss fu la nazione che pagò il tributo di sangue più alto per la Seconda Guerra mondiale. Sul solo fronte orientale (l'Europa cioè) l'Urss perse DIECI MILIONI di giovani soldati, tra i 18 e i 27 anni. L'Urss ebbe un ruolo di primo piano nella sconfitta (almeno militare ) del nazismo e del fascismo, infatti Usa e Gran Bretagna da sole non sarebbero state in grado di sconfiggere Hitler e l'Asse, ma al massimo di contenerlo all'interno della vecchia Europa.
Così, anche se a voi e a me hanno raccontato un altra storia, se non ci fosse stato l'Urss e i ragazzi russi che hanno dato le loro vite, uccise dalla Wermacht, io e voi tutti che state leggendo non saremo nati liberi, ma con ogni probabilità in stati nazisti.

In tutto l'Urss perse 28 milioni di persone, molto di più della Germania nazista e circa 10 volte di più dei "liberatori" (?) americani. 

Per ulteriori informazioni:


Sfoglia dicembre        febbraio