.
Annunci online

BlablablaaMentelibera il blog di Paolo P.
No alla Memoria selettiva
post pubblicato in diario, il 26 gennaio 2018
Domani è la #giornatadellamemoria, ma conto di non passarla qui, quindi lascio qui il mio pensiero: non scordiamoci la persecuzione degli "altri", comunisti, omosessuali, zingari, anche loro sterminati nella soluzione finale.
Nazismo e Fascismo non hanno colpito solo ebrei. Rifiutiamo questa mistificazione semplificatoria. Dal 22 al 38 il Fascismo aveva tolto la libertà a tutti e nelle sue fila c'erano anche ebrei, c'erano italiani di tutte le origini e provenienze, non dimentichiamolo.


Il Fascismo, col suo imperialismo d'accatto, ha ucciso anche abissini, somali, eritei, etiopi, con le armi, con le bombe e con il gas, ma di loro non sappiamo nemmeno il numero perché evidentemente nella percezione collettiva valgono meno di altri.
La memoria o vale per tutti o non è.
Evitiamo la memoria selettiva.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. memoria italia fascismo nazismo shoa conformismo

permalink | inviato da Pa.P il 26/1/2018 alle 14:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Giorno della memoria
post pubblicato in diario, il 27 gennaio 2012
Oggi, 27 gennaio, ma nel 1945, l'Armata Rossa scopre il campo di sterminio nazista di Auschwitz in Polonia e ne libera gli scheletri umani detenuti, portando alla coscienza del mondo l'orrore della soluzione finale dei campi di concentramento. 
L'Armata Rossa però partiva da lontano e aveva già respinto il nazismo fino alla Polonia. I russi avanzeranno fino a liberare dal nazismo e dal fascismo tutta l'Europa centrale e orientale. 

Per precisa scelta politica occidentale pochi di noi sanno che l'Urss fu la nazione che pagò il tributo di sangue più alto per la Seconda Guerra mondiale. Sul solo fronte orientale (l'Europa cioè) l'Urss perse DIECI MILIONI di giovani soldati, tra i 18 e i 27 anni. L'Urss ebbe un ruolo di primo piano nella sconfitta (almeno militare ) del nazismo e del fascismo, infatti Usa e Gran Bretagna da sole non sarebbero state in grado di sconfiggere Hitler e l'Asse, ma al massimo di contenerlo all'interno della vecchia Europa.
Così, anche se a voi e a me hanno raccontato un altra storia, se non ci fosse stato l'Urss e i ragazzi russi che hanno dato le loro vite, uccise dalla Wermacht, io e voi tutti che state leggendo non saremo nati liberi, ma con ogni probabilità in stati nazisti.

In tutto l'Urss perse 28 milioni di persone, molto di più della Germania nazista e circa 10 volte di più dei "liberatori" (?) americani. 

Per ulteriori informazioni:


Mia madre
post pubblicato in Ex Libris, il 29 settembre 2010

     “MIA MADRE”


Era bella mia madre, aveva appena 23anni,

quel 29 settembre 1944. Mi teneva permano

lungo la stradina che scendeva verso ilrifugio; si lamentava perché a breve tempo si apprestava a dare allaluce un altra vita, confortata dalla nonna che a sua volta lasosteneva. Era bella anche nel dolore delle doglie.

Il crepitio dei colpi di mitraglia cilasciò sgomenti; colpita al ventre si accorse di perdere tutto in unattimo: le sue mani sporche del mio sangue, lo sguardo perso negliocchi sbarrati di mia nonna, si teneva il ventre, cercando diavvolgermi al suo corpo per ripararmi dal piombo, come una chiocciaprotegge il pulcino sotto le ali.

I suoi gridi di disperazione eranoquasi inumani, ma anche in quei momenti aveva una carezza per me.

Era tanto dolce mia mamma.

Se c'è qualcuno in cielo non puòignorare ciò che è sulla terra.

Era una ragazzina mia madre. Un incuboche mi perseguita nella vita, ma nello stesso rivedo il sorriso dolcedi mia madre.

Era veramente bella mia madre.


Leoni F. (unica sopravissutadell'eccidio Fascista e Nazista di Marzabotto)



Sfoglia dicembre        febbraio