.
Annunci online

BlablablaaMentelibera il blog di Paolo P.
Il Reddito di Cittadinanza a 133 € al mese? I conti della serva
post pubblicato in Notizie, il 5 ottobre 2018

Il fatto che stanno prendendo in giro gli italiani più bisognosi col Reddito di Cittadinanza e con la Finanziaria sta in questo semplice calcolo matematico. Se danno il Reddito di Cittadinanza a 5 milioni di persone, il costo è di 8 miliardi l'anno per un "reddito" di 133 € circa a testa e questa è l'ipotesi voluta da Salvini. Se la cifra erogata in finanziaria sarà di 10 miliardi come vuole Di Maio fanno 166 euro a testa. 


Il grande Reddito di cittadinanza! Se i famosi 80 € di Renzi - che erano una riduzione fiscale annuale di 1000 € a testa l'anno, erano per Lega e M5S una "mancetta elettorale", ci si chiede cosa sia invece un "reddito" di 133€ al mese, cioè 1500 euro circa l'anno.


Ancora, per dare a tutti 780 € come il M5S ha promesso, serve il 3% di deficit perché di miliardi ce ne vogliono almeno 50, ma anche di più. Almeno questi sono i calcoli che la calcolatrice dà a noi. Chissà che al ministero a Roma non dia un altro risultato. La propaganda alla fine mostra la caducità di sé stessa e se messa a confrontarsi con la realtà, casca dal palco, come il famoso asino del proverbio.

Ora, è chiaro che non possiamo permetterci di avvicinarci al 3% di deficit annuo. Di Maio e Salvini, M5S e Lega, hanno appena fatto una colossale marcia indietro sul Def per quanto riguarda l'entità del deficit previsto. Dopo la botta di 20 miliardi di capitalizzazione persi da Piazza Affari nel giorno dopo l'annuncio dell'innalzamento del deficit al 2,8 per il 2019, Di Maio e Salvini hanno fatto una pronta marcia indietro, presupponendo nel DEF un deficit al 2,1 per il 2020 e 1,8 per il 2021. Ma con il 2,1 e il 1,8 di deficit non riusciranno mai a finanziare neanche il solo Reddito di Cittadinanza.



Al che sorge spontanea una domanda. Dove prenderanno i soldi? Probabilmente da tagli alle detrazioni e deduzioni fiscali, cioè aumentando le tasse ai cittadini e alle impreseO ancora, facendo tagli alla spesa pubblica. Prenderanno cioè da una parte per dare dall'altra, quasi a somma zero. Con tanti saluti a coloro che avevano creduto a un reddito sicuro e pubblico per stare a casa al caldo.



Sfoglia settembre